sdb_5902

BIO/CONTATTI

Simona Dibitonto was born in Trieste in 1972, where she currently lives and works. Her interest in photography began since her childhood and her education is self-taught. For fifteen years she worked as a naval designer and then as a scuba instructor, in Italy and abroad, and then devoted herself to the pictures. Photos published with publishers Biancaevolta, Comunicarte, on regional newspapers and on websites of various cultural and social reality of Trieste. Founder of the Cultural Association Altrove in Trieste, where she deals with photography and exhibitions. She documented performances of contemporary art by national and international artists, produced photo shoots for various editions of the ‘Festival Sottolostessocielo’ of Trieste, has worked with the secondary school level ‘Guido Corsi’ to the ‘Ursus’ show dedicated to the centenary pontoon cranes with a photographic projection at the Revoltella Civic Museum of the City of Trieste, exhibited at the Niños Consentidos de Barcelona festival, took part in the 35th anniversary of the 78th Group in the IX Contemporary Day in Trieste, took part in the event ‘L ‘officina dei sensi’ for the establishment of the Center for Cinematographic and Multisensory Arts (VAM) sponsored by UNESCO with the photographic exhibition and video installation ‘Bagnasciuga’. For the multidisciplinary project ‘Varcare la Frontiera’ promoted by the Cultural Association Cizerouno and supported by the Friuli Venezia Giulia Region has realized the layout and designed the installations of the exhibition ‘Al bordo de la linea’ by Lea Lazic and ‘Dentro il mio viaggio’ ff the sexologist Federico Sandri. The latest photographic exhibitions and installations: ‘Il peccato originale: riflessi di umanità’, ‘Presente: ex caserma di via Rossetti’, ‘Ursus, ritratti di un fuggitivo’.

CONTATTI – CONCTAT: simona.dibitonto@gmail.com

Simona Dibitonto nasce a Trieste nel 1972, dove attualmente vive e lavora. Il suo interesse per la fotografia inizia sin dall’infanzia e la sua formazione è da autodidatta.
Per quindici anni ha lavorato come disegnatrice navale e poi come istruttrice subacquea, in Italia ed all’estero, per poi dedicarsi alle immagini.
Foto pubblicate con le case editrici Biancaevolta, Comunicarte, su quotidiani regionali e su siti web di diverse realtà culturali e sociali triestine.
Socia fondatrice dell’Associazione culturale Altrove a Trieste, dove si occupa  di fotografia ed esposizioni .
Ha documentato performance di arte contemporanea di artisti nazionali e internazionali, realizzato servizi fotografici per varie edizioni del “Festival Sottolostessocielo” di Trieste, ha collaborato con la scuola secondaria di primo grado “Guido Corsi” allo spettacolo “Ursus” dedicato al centenario pontone grù con una proiezione fotografica presso il Museo Civico Revoltella del Comune di Trieste, ha esposto al festival Niños Consentidos de Barcelona, ha partecipato al 35° anniversario del gruppo 78 nell’ambito della IX Giornata del Contemporaneo a Trieste, ha preso parte all’evento “L’Officina dei Sensi” per la costituzione del Centro per le Arti Cinematografiche e Multisensoriali (V.A.M.) patrocinata dall’Unesco con la mostra fotografica e videoinstallazione “Bagnasciuga”. Per il progetto multidisciplinare “Varcare la Frontiera” promosso dall’Associazione culturale Cizerouno e sostenuto dalla Regione Friuli Venezia Giulia ha realizzato l’allestimento e ideato le installazioni delle mostre “Al bordo de la linea” di Lea Lazic e “Dentro il mio viaggio” del sessuologo Federico Sandri .
Le ultime mostre fotografiche ed installazioni: “Il peccato originale, riflessi di umanità”, “Presente: ex caserma di via Rossetti”, “Ursus, ritratti di un fuggitivo”.